Vertaling van osservare

Inhoud:

Italiaans
Engels
osservare {ww.}
to watch 
to obey 
to observe 
to abide by
to abide 
to respect 
to mark 
to comply 
to mind 
to keep 
È nostro dovere osservare sempre le leggi.
It's our duty to always obey the law.
Non mi piace osservare la TV.
I don't like to watch tv.
osservare {ww.}
to spot 
to remark 
to detect 
to note 
to notice 

Voorbeelden in zinsverband

Italiaans
Engels

Non mi piace osservare la TV.

I don't like to watch tv.

È nostro dovere osservare sempre le leggi.

It's our duty to always obey the law.

Osservare gli uccelli è un buon hobby.

Bird watching is a nice hobby.

I cattolici non potevano osservare apertamente la loro religione.

Catholics could not openly observe their religion.

Osservare le onde gravitazionali aprirà una nuova fase nello studio del cosmo.

The observation of gravitational waves will start a new phase in the study of the universe.

È un peccato non potere osservare quei pavoni da vicino, ma in questo giardino non si possono calpestare le aiuole.

It's a pity to not be allowed to watch closer those peacocks, but it is not allowed to walk on the grass in this garden.

Lasciando adunque indietro le cose circa un Principe immaginate, e discorrendo quelle che son vere, dico, che tutti gli uomini, quando se ne parla, e massime i Principi, per esser posti più alto, sono notati di alcune di queste qualità che arrecano loro o biasimo, o laude; e questo è che alcuno è tenuto liberale, alcuno misero, usando uno termine Toscano, (perchè avaro in nostra lingua è ancor colui che per rapina desidera d’avere, e misero chiamiamo quello che si astiene dall’usare il suo) alcuno è tenuto donatore, alcuno rapace; alcuno crudele, alcuno pietoso; l’uno fedifrago, l’altro fedele; l’uno effeminato e pusillanime, l’altro feroce e animoso; l’uno umano, l’altro superbo; l’uno lascivo, l’altro casto; l’uno intero, l’altro astuto; l’uno duro, l’altro facile; l’uno grave, l’altro leggiere; l’uno religioso, l’altro incredulo, e simili. Io so che ciascuno confesserà, che sarebbe laudabilissima cosa un Principe trovarsi di tutte le sopraddette qualità, quelle che sono tenute buone; ma perchè non si possono avere, nè interamente osservare per le condizioni umane che non lo consentono, gli è necessario essere tanto prudente, che sappia fuggire l’infamia di quelli vizi che li torrebbono lo Stato, e da quelli che non gliene tolgano, guardarsi, se egli è possibile; ma non potendosi, si può con minor rispetto lasciare andare. Ed ancora...

Therefore, putting on one side imaginary things concerning a prince, and discussing those which are real, I say that all men when they are spoken of, and chiefly princes for being more highly placed, are remarkable for some of those qualities which bring them either blame or praise; and thus it is that one is reputed liberal, another miserly, using a Tuscan term (because an avaricious person in our language is still he who desires to possess by robbery, whilst we call one miserly who deprives himself too much of the use of his own); one is reputed generous, one rapacious; one cruel, one compassionate; one faithless, another faithful; one effeminate and cowardly, another bold and brave; one affable, another haughty; one lascivious, another chaste; one sincere, another cunning; one hard, another easy; one grave, another frivolous; one religious, another unbelieving, and the like.